DSC01167 E’ terminata da poco la KeyNote di Ray Ozzie alla PDC di Los Angeles dove insieme a Gabriele abbiamo assistito all’annuncio della nuova Windows Cloud Platform di Microsoft il cui nome ufficiale sarà Windows Azure. Di seguito l’immagine del logo della nuova piattaforma.

image

Si tratta di una nuova versione di Windows che segna l’inizio di una nuova era per lo sviluppo del software su piattaforma Microsoft e che implementa un vero e proprio sistema operativo per il cloud computing. La nuova versione, creata appositamente per i data center Internet,  sarà disponibile direttamente sulla rete attraverso una serie di data center posizionati in diversi punti del mondo.

La nuova infrastruttura ci metterà a disposizione una piattaforma nella quale ospitare le nostre applicazioni, fornendo un'infrastruttura, distribuita e ridondata, completa di risorse di elaborazione e storage ondemand, meccanimi di code asincrone, strumenti di amministrazione e monitoring automatici, il tutto completamente integrato con i tool di sviluppo come Visual Studio.

Per quanto riguarda l’integrazione con Visual Studio, attraverso uno specifico SDK aggiunto all’ambiente di sviluppo, si avrà a disposizione dei template di progetto con cui costruire le nostre web application ed i nostri Web Service e pubblicarli direttamente tramite il proprio account sull’infrastruttura di Windows Azure . Attraverso l'interfaccia Web del nuovo sistema operativo per il cloud , (disponibile a http://www.azure.com)  sarà possibile configurare le risorse di elaborazione che si vogliono assegnare all’applicazione ed in pochi minuti si avrà l’applicazione funzionante online nei data center di Windows Azure, pronta ad essere utilizzata. L'SDK ci mette a disposizione anche una versione locale dell'infrastruttura presente nel cloud per consentirci di effettuare test e debug prima della pubblicazione.

L’SDK può essere già scaricato e provato (http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyId=BB893FB0-AD04-4FE8-BB04-0C5E4278D3E9&displaylang=en ) mentre per il momento l’account per pubblicare sui servizi sulla Cloud platform è limitato ai partecipanti alla PDC. Sul sito trovate anche una serie di whitepaper (http://www.microsoft.com/azure/whitepaper.mspx ) e di video (http://www.microsoft.com/azure/videos.mspx ) per approfondire Windows Azure. Disponibile anche una nuova sezione di MSDN sull’argomento (http://msdn.microsoft.com/en-us/azure/default.aspx ) .

Oltre all’infrastruttura di operating system per il cloud sarà disponibile una piattaforma applicativa completa denominata Azure Services Platform, rappresentata nella seguente figura:

The Cloud Computing and Services Platform Diagram

La piattaforma mette a disposizione tutte le funzionalità di base necessarie allo sviluppo di soluzioni applicative, dai servizi di database e reporting, fino alle funzionalità di workflow e di autenticazione.I principali servizi disponibili sono i seguenti:

- Live Services : Set di servizi agganciati all'offerta di Windows Live ulteriori informazioni sul sito dedicato a Live Services

- Microsoft SQL Services:  Estendono Microsoft Sql Server nel cloud fornendo un web-based distributed relational database. Ulteriori informazioni sul sito specifico SQL Services

- Microsoft .NET Services: Set di servizi per sviluppare loosely coupled cloud-based applications che comprendono Service Bus, workflow e Access Control . Ulteriori informazioni sul sito dei  .NET Services

- Microsoft® SharePoint® Services & Dynamics® CRM Services : in futuro gli sviluppatori potranno avere accesso alle funzionalità di Sharepoint Online & CRM e sviluppare con Azure applicazioni che utilizzano questi  due servizi

In particolare è possibile la completa federazione con directory già esistenti nelle nostre intranet, per consentire la completa integrazione con le informazioni di autenticazione già presenti nelle nostre reti sfruttando WS-Federation come meccanismo per realizzare la federazione. Disponibile, inoltre, un connettore specifico per Active Directory che consentirà la rapida integrazione della nostra Active Directory aziendale con i servizi che eventualmente ospiteremo nella nuova piattaforma Online.

Inizia una nuova era per lo sviluppo delle applicazioni, che rende ancora più semplice combinare le risorse locali alle nostre reti aziendali, con i servizi e le risorse di elaborazione messe a disposizione da Internet e e dai nuovi servizi di Windows Azure , permettendoci lo sviluppo di soluzioni che possono disporre di una infinita capacità di elaborazione, con un modello di sviluppo omogeneo che spazia dai Server che installiamo nell’Intranet fino ai Servizi disponibili nel Cloud.

DSC01171

Giuseppe e Gabriele