free hit counter
Pietro Brambati Blog - Site Home - MSDN Blogs

Pietro Brambati Blog

Developer's stories

  • Pietro Brambati Blog

    SharePoint 2010 overview per Developer – parte 1

    • 0 Comments

    SharePoint 2010 è stato da poco prensentato al pubblico per la prima volta. Ho deciso di raccontarvi un po’ le novita che saranno presenti in questa release, poichè di sicuro interesse per molti sviluppattori web e, mi aspetto, sempre più nel prossimo fututo.

    La beta di SharePoint sarà disponibile a novembre, mentre da poco è già disponibilie la beta 2 di Visual Studio 2010 per i sottoscrittori MSDN.

    Per una overview della novità annunciate per SharePoint 2010 leggete il post di Jeff Teper, nei prossimi post cercherò di raccontare le novità più importanti per gli sviluppatori web.

    Sviluppo in Windows 7 (x64) e Windows Vista SP1 (x64)

    Il nuovo SharePoint 2010 supporterà solo l’archittettura a 64-bit, scelta che va a vantaggio di una maggiore scalabilità del prodotto grazie alla possibilità di sfruttare al meglio la memoria.

    La novità più importante è che potrà essere instato, solo a scopo di sviluppo e non per la produzione, su macchine client a 64 bit, in partricolare su Windows 7 e Vista SP1. Potrete installare sia SharePoint Foundation 2010, che SharePoint Server 2010 in locale sulla macchina in cui avete VS 2010.

    Setting up the Development environment for SharePoint 2010

    • “Install SharePoint on Windows 7 x64, Windows Vista Service Pack 1 x64, or Windows Vista Service Pack 2 x64”
    • “In any development environment, you should use a computer with an x64-capable CPU, and at least 2 gigabytes (GB) and preferably 4 GB of RAM for SharePoint Foundation, and 6 to 8 GB of RAM for SharePoint Server

    Visual Studio 2010 SharePoint Tool

    Visual Studio 2010 diventa lo strumento principale per lo sviluppo su SharePoint. Appena installerete  VS 2010 beta 2 troverete molti nuovi template di progetto (oltre che numerosi nuovi project item) per SharePoint 2010. Nella schermata seguente potete averne un’idea:

    image

    Lo sviluppo per SharePoint con Visual Studio 2010 si semplifica molto, infatti non solo potrete sviluppare su un sistema operativo client una progetto di tipo Visual Web Part, sfruttando l’IDE di Visual Studio 2010, ma di questo verrà creato un SharePoint Solution Package file (file WSP) di cui poi ne verrà fatto anche il deploy sul server.

    Oltre ad i template di progetto presenti in Visual Studio 2010 potete anche crearne di nuovi o estenderli grazie alla nuova Visual Studio extensibility API, che vi permette di migliorarne il packaging, la validazione, il deployment, il tutto anche estendendo i nodi del Server Explorer. E’ possibile ad esempio personalizzare il processo di build e deploy fatto da VS 2010 di feault aggiungento eventuali azioni custom e/o rimuovendo quelle di default.

    Infatti potete accedere ai sites di SharePoint 2010 direttamente dal Server Exporer e potrete guardare le impostazioni per siti, liste, content type, associazioni di workflow e altri oggetti. Nella figura seguente potete farvi un’idea di come si naviga in SharePoint da Visual Studio.

    image

    SharePoint Designer 2010

    Il nuovo SP Designer è lo strumento per lavorare con SP rivolto ai “Power User”- ma non solo direi- per reallizzare applicazioni con SP 2010. Una volta che la soluzione è stata realizzata questa può essere pacchettizzata in una SharePoint Solution (WSP) per poi essere importata e modificata con Visual Studio 2010.

    image

    Nella schermata seguente vedete SP Designer come si presenta: il menu di navigazione sulla sinistra dà accesso alle componenti che potete sviluppare dal Designer: libraries, workflows,

    content types, data source, entities, site level settings etc.

    SharePoint Designer 2010: Workflow

    Con il nuovo SP Designer si potrà importare un workflow preparato, per non dire illustrato, da un’ analista usando Visio e si potrà poi dargli vita attraverso uno strumento visuale senza scrivere codice: azioni tipiche dei power users. Il nuovo Workflow potrà essere quindi esportato in un file WSP e successivamente importato in VS 2010.

    SharePoint Designer 2010: Business Connectivity Services Design

    Il Business Connectivity Services sono l’eveoluzione del BDC, consentendo di esporre in SharePoint tramite le External List dati provienienti da sorgenti esterne allo SP. Lo SP Designer 2010 semplifica la creazione delle entità che rapprenentano questi dati tramite un  wizard che guida verso la creazione di una connessione a servizi WCF, oggetti .NET, Database etc.

    Compatibilità

    Il nuovo SPD 2010 può essere utilizzato solo con il nuovo SharePoint 2010,  non può essere quindi usato con le precedenti versioni di SharePoint. E’ supportatata però l’installazione side-by-side. Quindi sulla stessa macchina potete installare SPD 2010 e SPD 2007, ma va installata sulla stessa piattaforma x86 o x64, quindi usate la versione x86 di SPD 2010 se instllate side-by-side con SPD 2007, dato che quest’ultima verione è disponibile solom su piattaforma 32 bit.

    Developer Dashboard

    Nuovo utile strumento di debug, che ci consente di avere utili informazioni su quello che sta succedendo nella pagina: la developer dashboard colleziona informazioni statistiche relative al codice eseguito nella pagina ed eventuali eccezioni.

    Può essere abilitata inizialmente così:

    stsadm –o setproperty –pn developer-dashboard –pv OnDemand

    Può poi essere spenta e/o accessa dalla pagina dello SharePoint.

    Link utili

  • Pietro Brambati Blog

    Visual Studio 2010 beta 2: a quick web tour

    • 0 Comments

    Now that Visual Studio 2010 beta 2 has been released, you can have some fun exploring it, starting from the new splash screen :-)

    image

    In this post I’m going to explore some of the news for web developer, not all but at least some:-)

    A quick look at Silverlight 3.0

    Silverlight 3.0 is now integrated in Visual Studio 2010 beta 2 : the developer runtime and the SDK are installed during the setup process.

    If you take a look to the project template you can see an options section with a combo-box for multi-targeting even for Silverlight.

    Multi-targeting is one of the main architectural changes of Visual Studio 2010: you can now use a single IDE for targeting different versions of  the full .NET and CLR. You can write code for .NET 2.0, 3.0 and  3.5: they use the CLR version 2.0 and the new .NET Framework 4 that instead uses the new CLR 4.

    image

    Note: the RIA Services are not completely integrated with this build.

    With the beta 2, you can find an interactive editor for Silverlight , similar to the WPF. In the Following screen I’m using it to create some columns and rows and setting the columns size directly into the editor.

    image

    An you can now double-click on the button in the preview pane to go to the click event hander to start writing code.

    Now that F# is a prime language for the .NET Framework 4 and Visual Studio 2010 you can even create a Silverlight Library in F# and start using functional programming, if you like it, even for Silverlight. The F# Silverlight Library is a project template in beta 2 that you can add to your solution.

    image

    To use it with Silverlight  you can add a reference from the standard Silverlight project in Visual Studio 2010 to the F# library for Silverlight, I ‘ve tried to build some simple code in a F# module as show below; a simple example of calculus for the factorial using a recursive function.

    image 

    And than you can call the MathModule as a static class from Silverlight code as usual C# or VB.NET code:

    image

    You could imagine a sophisticated computations.

    For more infos :

    A quick look at ASP.NET MVC 2

    Visual Studio 2010 will be shipped with ASP.NET MVC 2 project template and you can start playing with it right now with the beta 2 bits. You can find all the stuffs that are already available with ASP.NET MVC 2 Preview 2 for Visual Studio 2008 as Validation based on Metadata, Client Side Validation and Single Project support for Areas: an easy way to logically divide you project in independent parts.

    If you have already created a project with ASP.NET MVC 1.0 in Visual Studio 2008 you can’t open it in Visual Studio 2010 beta 2 and you have to migrate it manually or using this tool. If you have instead created a project with ASP.NET MVC 2 Preview 2, you should reasonably succeed to migrate it to Visual Studio 2010 beta 2. I’ve opened one of my project built on ASP.NET MVC 2 Preview 2 and the Visual Studio 2010’s wizard have done the hard work for me. A message box asked me if I wanted to update the project to .NET Framework 4, as show below:

    image  

    At the end the solution works fine, at least on “My Machine” :-).

    If you run the web app with the ASP.NET Developer Server you can see now that it’s running with the version 4 of the .NET Framework, as you can see below:

    image

    Thanks to the new syntax of ASP.NET 4 you can even write code without the need of using HTML.Encode, using the syntax below:

    image

    Instead of the more verbose:

    image

    Ok, some syntactic sugar, but of course if you write it hundreds of times…

    For more details you can read the Phil Haack post : VS10 Beta 2 From an ASP.NET MVC Perspective.

    A quick look at ASP.NET 4 Web Forms

    You have now the chance  to create a project structurally similar to ASP.NET MVC one: I mean with CSS, a Home and About pages. If you create a ASP.NET Web Application project and you press F5, for example, you’ll see the following screen:

    image

    In the project you can even find jQuery 1.3.2 in the Scripts folder.

    If you came from Visual Studio 2008 and you prefer to have a blank solution, you have to choose  the Empty Project Template.

    One of the most evident new feature of ASP.NET 4 (both Web Forms and MVC), already present from beta 1, is that you can have different config files for debug and release and other configurations. For example you already have a Web.Debug.config and Web.Release.config for the two different configuration.

    image

    For example you can use the two files to set different connection strings for debugging and production.

    Code Snippets

    You can now find some pre-build code snippets that works in the aspx editor, for example you can choose formview snippet as show below

    image 

    And the editor generate some code for you:

    image 

    This make more productive writing code directly into the editor, skipping the boring stuff.

    ASP.NET 4 WebForms Routing

    ASP.NET 4 WebForms can now use routing rules as much as ASP.NET MVC does. You can now use urls that are SEO friendly and human readable, for example

    localhost/blog/archive/1

    instead of

    localhost/blog/default.aspx?Id=1

    Just adding some code on the global.asax to define the rules:

    image

    You can then retrieve data used in the rules and using it in code-behind or even create a new url using the same rules. I suggest you reading the ScottGu’s post on this topic here.

    ClientIDMode and ViewStateMode

    If in the past you have had some problem with client id generated by Web Forms , “ctrl_” nested especially when you use master-page… now you have some good news, because you can set the behavior on a control:

    image 

    You can inherit from the parent, make it predictable so that it can be easily used with CSS and Javascript or just static.

    And you can turn off view  state for a page and enable for a control using the control property ViewStateMode.

    Download

    To fully explore Visual Studio 2010 beta 2 I strongly encourage you to download from here.(from 21/10). MSDN Subscriber can download just from today.

    You can read the official announcement from here.

    Per gli italiani che leggono questo post, ci saranno diverse occasioni durante l’anno per parlare delle novità di Visual Studio 2010, una fra tutte sono i Microsoft TechDays WPC 2009.

    Vi aspetto, enjoy.

  • Pietro Brambati Blog

    Web Platform Installer 2.0: Installing ASP.NET Apps

    • 0 Comments

    You can read other posts of this series on Web PI 2.0 here:

    In this post we’ll the Web PI 2.0 to install BlogEngine.NET, one of the most popular Open Source applications for ASP.NET.

    Installing BlogEngine.NET (ASP.NET)

    You can use the Web Applications’ tab to choose your preferred one, you can navigate by category or by name, for example. In the following pictures I’ve select BlogEngine.Net:

    image

    You can now press install and you’ll be redirected to a summary page where the installer show all dependencies needed to run BlogEngine.NET, a few on my machine, as shown in the following image:

    image

    I’m guided, inside the installer, to the process of installing the software, I need to enter site information, so for example Web Site name and others, as show below:

    image

    And at the end of installation you can run your application from the Launch Link and you have the first screenshot of BlogEngine.NET installation page:

    image

    And we’re done!

    As you so you could easily use the Web PI both for installing and configuring your environment and for installing your preferred apps in some simple steps.

    Enjoy.

  • Pietro Brambati Blog

    Web Platform Installer 2.0: Installing PHP Apps

    • 0 Comments

    You can read other posts of this series on Web PI 2.0 here:

    In this post I’m going to explore the most important feature for the version 2.0 of the WebPI: now you can install the most popular Open Source applications for both ASP.NET and PHP directly from the installer.

    Installing WordPress (PHP)

    You can use the Web Applications’ tab to choose your preferred ones, you can navigate by category or by name, for example. In the following pictures I’ve select WordPress:

    image

    You can now press install and you’ll be redirected to a summary page where the installer show all dependencies needed to run WordPress. Because I haven’t installed MySQL, the Web PI 2.0 will install it for me and even other components as the URL Rewrite module. I really love this feature!! The following is an image of that one:

    image

    I’m guided, inside the installer, to the process of installing the software.

    First I need to set the password for MySQL’s root account as show below:

    image

    Than I need to enter some site information, so, for example, Web Site name in step 1, as show below:

    image

    And some information for creating and configuring the database:

    image

    And at the end of installation you can run your application from the Launch Link and you have the first screenshot of WordPress installation page:

    image

    As you have briefly seen you could easily use the Web PI both for installing and configuring your environment and for installing your preferred apps in some simple steps.

    Enjoy.

  • Pietro Brambati Blog

    Community dotNetRomacesta: il primo evento

    • 2 Comments

    Mercoledì 21 Ottobre si terrà a Roma, il primo evento organizzatto dal neonato User Group dal nome di sapore romano “dotnet Roma ce stà”, non sono sicuro di averlo scritto giusto, ma il senso dovrei averlo reso :-)

    L’agenda è  molto ricca:

    image

    e per il loro primo incontro potrete avere modo di incotrare persone del calibro di Simone Chiaretta, per le sessioni su ASP.NET MVC 2 e Luca Bianchi per SQL Server e avere modo di conoscerne di nuove.

    Per chi vuole registrarsi all’evento può procedere da qui e l’agenda completa la trovate qui.

    Buon divertimento e soprattutto buon lavoro.

  • Pietro Brambati Blog

    ASP.NET MVC 2 Preview 2: Client-Side Validation

    • 6 Comments

    In my opinion one of the most interesting features of ASP.NET MVC 2.0 Preview 2 is the support for client-side validation.

    How-to enable Client-Side validation

    Client-side validation enable your application to perform client-side validation based on model’s validation by JQuery validation library. Ok, it’s simpler than it sounds.

    The client-side validation framework is even extensible, but for now it suits my simple needs.

    In my post on ASP.NET MVC 2.0 Preview 1 I’ve added server-side validation to my application model using metadata as ASP.NET Dynamic Data does. So, for example, in the the picture below I’ve added a partial class to my model and a class for metadata describing my requirements for validation. In the following code the attribute ‘Titolo’ must be not null, and I’ve added an Error Message if something’s wrong.

    image

    If I run the application all works fine: I show a view page to the user, user enters some value and press Save to submit to server. If the user doesn’t fill the title field he gets an error as soon as we made a POST to server. You can see the page flickering in the browser.

    Client-side validation prevent your app going to the server for validation and all happens client side, but using the rules you have defined on the partial class you saw before.

    To enable client side validation, you can follow these easy steps:

    • use Html.EnableClientValidation method on the View file
    • insert three javascript files : jquery-1.3.2.js, jquery.validate.js, MicrosoftMvcJQueryValidation.js. These files are included in the Scripts directory coming with ASP.NET MVC 2 Preview 2 project template. 

    I’ve put the code in my view page for editing some simple fields.

    image

    Now I can run my application and see the results, I’m using HttpWatch to see that no requests are performed to the server and the validation logic works as expected.

    image

    As soon as I type something into the textbox the red message disappears.

    Nice feature! You can download the ASP.NET MVC 2 Preview 2 from here and read about all the features on Phil Haack post.

    Enjoy :-).

  • Pietro Brambati Blog

    Web Platform Installer 2.0: Web Platform for Windows 7

    • 1 Comments

    You can read other posts of this series on Web PI 2.0 here:

    Now I’ll use the Web PI on my Windows 7 machine and I’ll show the options available.

    You can start from main screen and select the “Web Platform” tab:

     image_thumb30

    Here you can see these sections: Web Server, Framework and Runtimes, Database and Tools. If I click customize you see products/components you can install. If you expand clicking on customize you see the details, with a little info icon. If you click the little info icon you’ll see more info on the component to install.

    Installing components from Web Server

    If you look into the options for IIS 7.x web Server you can see a lot of functionalities that you can install. I’ve already installed ASP.NET module that I use for ASP.NET apps, the CGI that install the FastCGI module and that I use for PHP apps. IIS 7 is a modular web server and you can decide which module to install based on your needed. One of my preferred module is the URL Rewriter, version 1.1. You can use to build rules to implement nice URL  for users and for Search Engine Optimization (SEO). You can use Regular expression, pattern matching, Wildcard pattern matching or rewrite maps.

    You can see a ton of features available for IIS 7.5:

    image

    Now I can proceed with the installation, before I need to check the software I decide to install and related dependencies.

    image 

    One of the component I’d like to install is the URL Rewriter 2.0 Beta, that it’s very attractive because it supports outbound rules: that can fix links on the fly in a response from the server.   Because is a Beta I don’t see in this section, so I go to the “What’s new Tab” and I can see the “Beta Extensions” where I can found the URL Rewriter 2.0 Beta.

    image

    Because the URL Rewriter 1.1 and the URL Rewriter 2.0 beta can’t run on the same machine, if I select the check box I receive a warning message.

    image

    So I need to uninstall version 1.1 from Control Panel and install the version 2.0 beta from Web PI.

    Installing components from Database

    In this section you can find the same components you can find for Windows XP, plus the SQL Server driver 1.0 for PHP, a native extension for PHP apps, that you can install on Windows 7, as see below:

    image

    Installing components from Framework and Runtimes, Tools

    These two sections are basically the same as we saw on Window XP, and you can refer two the previous blog for details.

    Next step, installing some application from the galley … stay tuned.

  • Pietro Brambati Blog

    Web Platform Installer 2.0: Web Platform for Windows XP

    • 0 Comments

    For an overview of the Web PI 2.0 you can read my previous post of these series here, before you proceed reading.

    In this post I’ll dig into the options available for Windows XP users in the “Web Platform” tab, as show below (as they show on my machine):

    image

    Here you can see these sections: Web Server, Framework and Runtimes, Database and Tools. If I click customize you see the products/components you can install. If you expand clicking on customize you see the details, with a little info icon. If you click the little info icon you’ll see more info on the component to install.

    In the following section you’ll see more info trying to install some software on my Windows XP virtual machine.

    Installing components from Web Server

    For example if you click in the Internet information services 5.1

     image

    You’ll see the description for IIS 5.1:

    image

    Here you have the options to install some products, the most interesting ones for me are:

    • IIS 5.1 : of course for running my web apps
    • FastCGI  1.0 for IIS 5.1 : is an extension for IIS that you can use for running PHP application in both reliable and fastest way. I strongly recommend this if you plan to run PHP applications on Windows. 
    • Web Deployment tool: this is a free tool that can be used for different purposes, the nicest features is that it can be used to package a site with all related contents : database, ACL, GAC, COM objects, Registry settings to be easily used for deploy on another machine or to migrate sites/web applications from IIS 6.0 to IIS 7.0

    You can now select your preferred:

    image

    Then click the install button…

    image

    Now you can see that the WebPI add some dependencies for me. I’ll install the Web Deployment Tool 1.0, Italian version because I’ve selected the Italian language in the options link, see my previous post, and the Web PI added two dependencies : SQL Server 2008 Management Objects and SQL Server Native Client, nice !!

    If “I Accept”, the setup starts:

    image

    And all works on my machine :-), and I can see the final screen:

    image 

    et voila, we’re done.

    Installing components from Framework and Runtimes

    In this section you can install .NET Framework 3.5 SP1, that is already installed on my machine and that you need if you’d like to run ASP.NET Web Forms applications. You can also install the ASP.NET MVC 1.0 framework, now you can use the Model-View-Controller pattern with ASP.NET core features. And you can install the PHP runtime 5.2.11; so you could run both ASP.NET and PHP apps on Windows Web Platform. OK I don’t suggest you using XP on production servers, but for developer purposes it could be done.

    image

    You have the review screen, again, and you’re ready to install.

    image

    Installing components from Database

    From here you have the options to install SQL Server 2008 Express ( that it’ free)  and related stuffs, for example the Management Studio: the console used to administer SQL Server 2008.

    You can see the screenshot on my machine: SQL Server 2008 Express with Service Pack 1 and the Managements Objects are already installed.

    image

    In the review screen I can see that the Web PI installs even Windows PowerShell as a dependency from the Management Studio Express:

    image

    Installing Tools

    In the tools section you can download Visual Web Developer 2008 Express with SP1, a free tool, and the Silverlight 3 tool for Visual Studio, even this tool is for free.

    image

    Ok now you’re ready for building and running  web apps. We’ll see in a later post how to install one app from the Gallery.

  • Pietro Brambati Blog

    Web Platform Installer 2.0: Overview

    • 0 Comments

    Now that the Web Platform Installer 2.0 is RTW, WebPI for short, I’ll have some fun exploring some installation options with a series of posts.

    The Web PI is the easiest an quickest way to install software on Windows to run web applications. You can use it to run ASP, ASP.NET and PHP applications. If you are a developer that works both in ASP.NET and PHP or you need to run multiple apps running different runtimes, I think that it’ll be a useful tool and even for free! You can install IIS and related extensions, SQL Server 2008 Express, Visual Web Developer 2008 and others free tools or trial for web developers.

    After you install the Web PI you can use it even to update your current installation. The Web PI allows you to install beta/RC and RTM components. If you run it when a new release is available you can install the latest ones.

    Web PI is now available in 9 different languages.

    From the Web Platform Installer 2.0 you have access to Web Gallery, where you can download and run the most popular open source apps, both for ASP.NET and PHP. If you choose one of that app you have a straightforward installation experience directly inside the Web PI.

    The Web PI run on Windows Vista, Windows Vista SP1, Windows XP SP2+, Windows Server 2003 SP1+, Windows Server 2008 and Windows 7.

    You can download the Web PI from here, from this link you can easily choose you language.

    Running Web Platform Installer from Windows XP

    If you run it from Windows XP (I’m running an instance of WinXp from my Windows 7 machine using the XPMode feature), you’ll see something similar:

    image

    As you can see it’s easy to understand, there are three tabs:

    • What’s News ? : for the latest components available and new apps from the Gallery: you can see Moodle, SugarCRM, Sitefinity Community Editions etc.
    • Web Platform: all the settings related to the configuration of IIS
    • Web Applications:  apps from the Gallery sort by categories

    If you look at the left-bottoms corner you can click the Options link that opens up a new dialog where you can see more options:

    image

    You can see two check buttons for more tabs for IIS Media Features and Developers tools. Because I’m running on Windows XP, no real Media Extensions are available and I only see the Developer Tools tab. At the end you can notice the preferred language you can use for software installation. At the end you can delete the installer cache. Flagging the Developer tools you can see a new tab on the menu:

    image

    Now you can click on the link “Click to include the recommended products”, or “Customize” to see the products suggested and start the installation.

    Running Web Platform Installer from Windows 7

    I’m running it from Windows 7 now, and of course I can see more options, that we’ll see in more details in a different post.

    After I flag the two check boxes in the options window (see the image upward for the XP) I can even see a new tab for Media stuffs: where, for example, you can install the necessary components for delivering on-demand and live contents via Media Services.

    image

    As you see from this post the Web PI is easy to use, in the following post we’ll explore some settings in the Web Platform tab in my Windows XP machine and Windows 7.

    Full posts serie is now available here:

  • Web Platform Installer 2.0: Web Platform for Windows XP
  • Web Platform Installer 2.0: Web Platform for Windows 7
  • Web Platform Installer 2.0: Installing PHP Apps
  • Web Platform Installer 2.0: Installing ASP.NET Apps 
  • Pietro Brambati Blog

    Visual Studio: il documentario

    • 1 Comments

    Interessante documentario sulle origini e sul futuro di Visual Studio su Channel 9, passando tramite Windows, ricordate la versione 1.01 ?

    Nella prima parte si parla di MS-DOS, OS/2, Windows, Microsoft Visual Basic, Visual Basic 2.0, Visual Basic 3.0, Microsoft Visual C++, Visual Interdev, FoxPro, Visual Studio 97, ASP.NET e la community che si creò attorno a Visual Studio.

     

    Get Microsoft Silverlight

    Nella seconda parte si parte da Java, le versioni Express di Visual Studio…

    Get Microsoft Silverlight

    just for Geek :-)

  • Pietro Brambati Blog

    Having fun with Windows 7 Sensor API and XNA Game Studio

    • 6 Comments

    One of the coolest features in Windows 7 are the new Sensor (and Location) APIs. The API are native, but you can use them from .NET Framework if you download the Windows API Code Pack 1.0.

    If you would like to test the Sensor API you can do even without a real hardware sensor, in fact in the Windows 7 SDK you can find (both x86 and x64) a Virtual Light Sensor (you can check from this link how to install the Virtual Light Sensor), a simple app that simulate an Ambient Sensor, that, after installed, you can see from Windows 7 sensor’s panel. In the following image you see the app running.

    image 

    1) Buy a sensor

    But if you would like to test a real-hardware sensor, you can buy this one from Freescale. You can see the front and back side in picture taken from my phone:

    mobile 008 mobile 009

    The Freescale’s board has the following sensors:

    • Ambient light sensor
    • 3D accelerometer
    • Dual touch strips

    2) Update the firmware

    To use it with Windows 7 you have to download the Windows 7 Sensor Development Kit from here and update the firmware first, following the readme file. To update the firmware you have first to mount a driver on your system. Tips: to do that, following the instructions, you have to touch the E4 button BEFORE the led display stop says “Press E4 to enter bootloader.”.

    In the following picture I’ve highlighted the led display and the touch E4 Button.. so press the touch button quickly.

    image

    3) Test the sensor with Windows 7

    If you would like to test the 3 sensor on board you can launch the test application (SensorDevKitDiagnosticApp.exe) in the tools\Diagnostic\Binaries Tool directory of the Win 7 Sensor Development kit:

    image

    Ok , now I’ve tested the sensor, but how to have MORE fun ?

    4) Installing XNA Game Studio 3.0

    On codeplex you can download some classes that you can use to extend one of the starter kit that comes with XNA Game Studio … all  in .NET. Because not all the code is implemented , l’ll show you how to minimally do that to drive the car with the accelerometer, of course just for fun and to show how you can use .NET to interact with Windows 7 Sensor API.

    1. Install Microsoft XNA Game Studio 3.0 (62 MB)
    2. Install Microsoft XNA Racing Game Starter Kit (127 MB)
    3. Download Windows 7 Sensor XNA Racing Game (inside you’ll find two classes and a dll).

    Now you can create a simple racing Game Project from Visual Studio 2008:

    image

    After that you have to follow the instruction on the sample from codeplex

    • add the Windows7.SensorAndLocation.dll that contains the wrapper that expose the native API to the .NET world.
    • copy in the Shaders folder, PreScreenSkyCubeMapping.cs (\RacingGame\Shaders\ PreScreenSkyCubeMapping.cs. This file is used to change the light in the sky based on the sensor input
    • In the GameLogic folder, replace Input.cs (\RacingGame\GameLogic\Input.cs) : this file contains all the code used to get the input from different device: mouse, keyboard and with the accelerometer. You can look the Initialize method that initialize the sensor and expose the acceleration in the X and Y axis, as show in the code:

    image

    The code exposes tree properties:

    image

    The first is used to see if an accelerometer is connected and the other two are used to return the real value from the accelerometer. From my test I’ve seen value from –1 o 1.

    Now you have the value returned from accelerometer but how to use in the gaming app ? You first have to initialize the sensor to make the app aware of it, than we have to control the acceleration, deceleration of the car, the left/right turn.

    • go to Graphics\BaseGame.cs in the end of the BaseGame constructor and call the Input.Initialize() that as show before initialize the Accelerometer3D sensor.
    • go to GameLogic\CarPhysics.cs in the Update method you can control the X Axis, for example, value to make the car turn left and right:

    image

    I’ve tried some experiment to correct the sensibility and you can change the 3.0f value to do it yourself.

    To make the car accelerate and go straight or backward  I added this code in the same method:

    image

    Ok probably if you are a XNA Game developer you’ll find a smarter approach to do that, but ok this is another story :-)

    You can download my sample classes from here.

    5) Have fun with Windows 7 Sensor API !

    Now, you can press F5 and play the game with you sensor!

    mobile 011

    6) More on Sensor API.. 

    If you would like to know more about the sensor and location API in Windows 7 and see the video that inspired me to have some fun: watch here.

  • Pietro Brambati Blog

    Windows Cache Extension 1.0 for PHP - beta

    • 2 Comments

    Il team di IIS ha rilasciato la versione beta di un acceleratore per PHP  Windows Cache Extension 1.0 for PHP.  Questo componente può essere utilizzato su Windows (XP SP3, Windows Server 2003, Vista SP1, Windows 7, Windows Server 2008 e R2) senza bisogno di ricompilare l’applicazione.

    A cosa serve ?

    Questa estensione include 3 tipi di cache che possono essere abilitate in modo indipendente una dall’altra:

    • PHP opcode cache: questa cache usa una memoria condivisa e contiene il bytecode originato dalla compilazione degli script PHP. Può quindi essere riutilizato in richieste successivie per aumentare le performance dell’applicazione che la usa.
    • File cache: questa cache permette di utilizzare memoria condivisa per contenere file di script PHP. In caso ad esempio vengano utilizzati da una share di rete, questo livello di cache consente di avere ulteriori benefici per le performance.
    • Relative file path cache: Quando vengono usati path relativi, l’engine PHP deve convertirli in path assoluti per il loro utilizzo. Questo livello di cache mantiene una cache del mapping relativo-assoluto, riducendo il costo di conversione.

    Installazione

    Potete scaricare l’estensione PHP direttamente dai seguenti link, per PHP 5.2 e PHP 5.3

    Windows Cache Extension 1.0 for PHP 5.2 – Beta

    Windows Cache Extension 1.0 for PHP 5.3 – Beta

    Oppure usando il Web Platform Installer 2.0,  il tool con cui potete installare tutte le componenti per far funzionare PHP in modo performante ed affidabile su Windows con Internet Information Server (IIS):

    clip_image002

    image

    E lanciando un phpinfo():

    image

    Link utili

  • Pietro Brambati Blog

    PHP Toolkit for ADO.NET Data Services

    • 0 Comments

    Da oggi è disponibile un toolkit per chi sviluppa con PHP per accedere a sorgenti dati esposte con gli ADO.NET Data Service, grazie al progetto Open Source ospitato su codeplex.

    A chi è rivolto ?

    Agli sviluppatori PHP che possono oggi accedere via REST a sorgenti dati esposte con gli ADO.NET Data Service.

    Cosa sono gli ADO.NET Data Services ?

    Una serie di librerie .NET( dalla versione 3.5 SP1 ) che permette di esporre sorgenti dati tramite un semplice url http, rispettando la semantica REST, tramite una serie di convenzioni. Tramite operazioni HTTP  come GET, PUTe DELETE sarà possibile compiere operazioni di lettura, inserimento, modifica e cancellazione sulla sorgente dati. Le entità esposte possono essere consumate da un qualsiasi client usando Atom Publishing Protocol o JSON. Le librerie al contempo ne consentono il consumo tramite librerie per .NET, Silverlight e JavaScript.

    Potete vedere questo webcast introduttivo sugli ADO.NET Data Services:

    A cosa serve questo toolkit per PHP ?

    Il toolkit ne rende semplice il consumo anche per applicazioni PHP, tramite un tool da riga di comando vengono generate delle classi proxy a partire dai metadati degli ADO.NET Data Services.

    Chi sviluppa con PHP si troverà mascherata la complessità di interagire con i protocolli ed interfacce REST ed avrà accesso a delle classi proxy generate ad-hoc.

    Come funziona ?

    Supponiamo di avere già creato con Visual Studio 2008, anche con le versioni gratuite Express, un servizio Data Service, basta ora lanciare il tool PHPDataSvcUtil.php. Quest’ultimo è codice PHP, senza dipendenze dal sistema operativo e può essere quinid fatto girare sia su Windows e sia su Linux.

    image 

    Verrà quindi generato il file che contiene le classi proxy, che ora possono essere utilizzate da codice PHP:

    image

    image

    Link utili e download

  • Pietro Brambati Blog

    Test di NSSLabs sulla sicurezza dei browsers

    • 0 Comments

    NSSLabs ha rilasciato due nuovi report (Malware Report, Phishing Report)  sui test di sicurezza condotti sulle ultime versioni stabili di Safari 4, Chrome 2, Internet Explorer 8, Firefox v3 e Opera 10 beta per confrontare il loro modello di sicurezza e le API.

    Ecco i risultati:

    Protezione dai Malware

    % di Malware riconociuti durante i test (i valori più grandi sono i migliori)

    image

    Protezione dagli attacchi di Phishing

    Velocità nel bloccare nuovi siti di Phishing (i valori più alti sono i migliori)

    image

    Trend riscontrato negli ultimi mesi da NSSLabs: gli stessi test sono stati eseguiti in due periodi di tempo

    image

    Quali sono i meccanismi di sicurezza di Internet Explorer 8 ?

    Se volete saperne di più su quali sistemi di protezione mette a disposizione IE8 e sulla nuova tecnologia nota come SmartScreen® Filter per la sicurezza, vi consiglio di vedere questo video Architettura e funzionalità di sicurezza.

    Per saperne di più

    Per approfondimenti sui test effettuati da NSSLabs e sulle versioni dei browser utilizzati durante la prova, leggete per intero il post di Giorgio Sardo e Real-World Protection With IE8’s SmartScreen Filter™ (post blog del team di IE8).

  • Pietro Brambati Blog

    Installare i .NET RIA Services (July CTP) con Visual Studio 2008 SP1 in Italiano

    • 1 Comments

    I .NET RIA Services sono attualmente in CTP (July) e sono installabili con la versione inglese di Visual Studio 2008 SP1 (anche la Express).

    Se avete la versione Italiana di Visual Studio 2008 SP1, come qualcuno di voi mi ha scritto, potete provare il seguente work-around, che come tale non è supportato, ma se volete divertirvi un po’ e non passare troppo tempo in spiaggia, ecco come fare:

    1) Nel mio caso ho installato Visual Web Developer 2008 SP1 in Italiano sul mio computer domestico, diciamo così.

    2) Quindi ho installato la versione italiana dei tools per Silverlight 3 RTM, che potete scaricare qui.

    3) Se ora provate ad installare i RIA Services, da qui, e lanciarli, otterrete questo messaggio d’errore:

    image

    Questo perchè, come vi dicevo, l’attuale CTP richiede la versione inglese dei tool di sviluppo.

    Lanciamo ora il setup dei .NET RIA Services , da riga di comando, come mostrato nel seguito, con l’opzione NOCHECK=true

    image

    Ora il setup procederà fino alla fine… almeno nel mio caso:-)

    image

    4) Finto ? No, dovete copiare a mano i files dei template di progetto dal “locale” 1033, al 1040 (quello italiano). Nel mio caso se volete avere a disposizione i template di progetto per il C#, andate nel percorso dove si trovano quelli inglesi, nel mio caso C:\Program Files\ Microsoft Visual Studio 9.0\Common7\IDE\VWDExpress\ProjectTemplates\CSharp\Silverlight\1033 come vedete nella figura seguente

    image

    Prendete i files BusinessApplication.zip, RIAServicesLibrary.zip e copiateli nel percorso come sopra dove al posto di 1033 ci deve essere 1040. Noterete che ci saranno altri template di progetto in questa nuova directory:

    image

    Se invece della versione Express di Visual Studio 2008 avete un’altra versione il percorso dove il setup copia i template di progetto sarà diverso, ad esempio:

    c:\Program Files (x86)\Microsoft Visual Studio 9.0\Common\IDE\ProjectTemplates\CSharp\Silverlight\1033\BusinessApp.zip.

    Con lo stesso metodo dovete cercare anche i file:

    • ADONetDataServices_DomainServicesCSharpWap.zip
    • AuthenticationDomainService.zip
    • BusinessLogic.zip
    • SearchSiteMap.zip

    che si trovano in

    C:\Program Files\ Microsoft Visual Studio 9.0\Common\IDE\VWDExpress\ItemTemplates\CSharp\Web\1033  e quindi spostarli in

    C:\Program Files\ Microsoft Visual Studio 9.0\Common\IDE\VWDExpress\ItemTemplates\CSharp\Web\1040

    5) In ultimo per installare i nuovi template copiati, andate nella directory C:\Program Files\ Microsoft Visual Studio 9.0\Common7\IDE e lanciate il seguente comando, dal prompt dei comandi:

    VWDExpress.exe /installvstemplates

    se usate la versione Express di VS, altrimenti per le altre versioni

    devenv.exe /installvstemplates.

    Se siete soliti usare Visual Basic, dovrete ricercare gli stessi file, ma nelle cartelle VisualBasic anzichè CSharp.

    E ora potete divertirvi con i RIA Services… durante l’estate!

  • Pietro Brambati Blog

    Il nuovo ASP.NET MVC 2 – Preview 1

    • 0 Comments

    Dato che oggi è stato rilasciata la preview 1 di ASP.NET MVC 2 ho deciso di aggiornare il progetto che avevo usato a Remix09 alla nuova versione per esplorare un po’ delle nuove funzionalità. (ASP.NET MVC 1.0 e ASP.NET MVC 2 possono coesistere side-by-side senza problemi)

    Nella Release Note è documentato come aggiornare manunalmente il progetto, modificando gli assembly referenziati e il web.config.

    Nel mio caso, dopo aver scaricato ed installato i bit ho creato un progetto con il nuovo template per Visual Studio 2008 SP1, che vedete in figura :

    image

    Quindi ho fatto un semplice taglia e copia dei folder che mi intersessavano, più qualche modifica:

    • AppData: che conteneva il database delle sessioni
    • il file remix09.css che ho messo nel folder Content
    • il mio controller HomeController.cs
    • Tutto il contenuto della cartella Model, che contiene i file per implementare il Repository per le sessioni ISessionsRepository.cs, la classe repository SessioniRepository.cs ed il file di Entity Framework per le cassi del mio modello
    • ho aggiunto la stringa di connessione al mio web.config
    • Ho sostituito il folder Views/Home con le view che avevo fatto
    • Ho sostituito la pagina Views/SharedViews/Site.Master con quella usata nel vecchio progetto
    • ho fatto il find & replace del namespace che usavo nel precedente progetto con il nuovo namespace, che nel mio caso si chiama Remix09Mvc2preview1 (il nome che ho dato al progetto). Attenzione alle views che se strongly-typed, come nel mio caso, contengono il riferimento al nome completo delle classi.
    • ho aggiunto nella sezione assemblies, nel web.config, il riferimento, prendendolo dal web. config del progetto vecchio, a System.Data.Entity che viene usato da Entity Framework

    Ed ecco la mia demo funzionare come prima :

    image  

    DataAnnotation: validazione

    Una delle novità riguarda l’utilizzo del meccanismo delle DataAnnotation, già usato dai Dynamic Data e nei RIA Services, con cui posso aggiungere degli  attributi alla mia classe del Modello, nel mio caso ho un’unica classe che descrive una “Sessione”, dato che l’intera applicazione consente di gestire le sessione dell’evento Remix.

    Nella demo di Remix, potevo creare una nuova sessione, ma non veniva verificato se, ad esempio titolo e sessione fossero valori diversi da null.

    Con ASP.NET MVC 2 ho un reference già aggiunto, come vedete dalla figura:

    image

    Quindi, come con i Dynamic Data, posso scrivere una classe parziale, che andrò ad aggiungere al Model e che mi dà controllo server-side sulle proprietà della mia classe:

    image

    Ho creato una classe SessioneMetadata nella quale posso specificare delle regole di validazione per le proprietà della classe Sessione. In questo caso l’attributo Required ed il Relativo ErrorMessage fanno si che se inserisco una sessione vuota abbia degli errori di validazione, per ora (:-) ) server-side, come vedete dalla figura, dove ho usato la stessa View, senza nessuna modifica, che ho usato con la versione 1.0 di ASP.NET MVC.

    image

    Esitono altre varianti che consentono di usare, ad esempio, espressioni regolari o range numerici specifici per effettuare la validazione.

    UI helper: strongly-typed e supporto ai Template

    Se vado a rivedere il codice della View per la creazione di una nuova sessione, vedete che vengono usate delle stringhe per identificare il nome delle proprietà della mia classe ( “Titolo”, “Sessione”, etc) che poi verranno usati per creare l’oggetto che devo creare. Un errore in questi nomi, come immaginerete, produrrà un errore a run-time dell’applicazione. Nuovi UI helper consentono di usare lamba expression e forte tipizzazione, permettendo di evitare errori a run-time, avendo controllo di quello che viene generato già a design-time.

    La vecchia pagina appare così: vedete le stringhe Titolo e Speaker:

    image

    Posso riscrivere così il codice con il nuovo helper Html.EditorFor e come vedete dalla figura seguente ho anche l’intellisence che mi aiuta.

    image 

    Potrei anche usare l’EditorFor per far generare tutti i campi necessari per la creazione di un oggetto; in questo caso dato che verrebbero visualizzate anche proprietà della classe sessione che non mi servono o non voglio esporre dovrei “disabilitare” le proprietà  che non voglio usando sempre il meccanismo introdotto con i Dynamic Data usando l’attributo [ScaffoldColumn (false)].Oltre a  Html.EditorFor, troviamo anche altri html helper, come html.LabelFor, html.DisplayFor.

    I nuovi metodi della classe Helper supportano anche l’uso di template. Nell’esempio precedente al posto di una TextBox dove inserire le track, potrei avere una più comoda DropDownList, con le 3 tracce. Per questo aggiungiamo una cartella EditorTemplate, dove andremo a mettere il template in questione aggiungiamo un MVC User Control nelle Shared View in modo da essere usabile da tutti i controllers del progetto.

    image

    L’implementazione del codice dello User Control è molto semplice e per usarlo dall’ Html.EditorFor, basta quindi, usare il secondo parametro:

    image

    Ci sono altre novità in ASP.NET MVC 2 – Preview 1: il concetto di “Area”, l’attributo HttpPost, supporto ai dati in formato binario nel DeafultModelBinder, ma per questo vi lascio agli approfondimementi…

    Per approndimenti

  • Pietro Brambati Blog

    Cosa ho fatto nelle ultime settimane

    • 4 Comments

    Questo post è assolutmente non tecnico.

    Nelle ultime settimane mi sono trovato alle prese con un trasloco, il mio. La definizione di trasloco è assolutamente riduttiva, nel senso che non prevedeva solo lo spostarsi dal punto A al punto B, la cui distanza è assolutamente irrisoria, ma anche preparare il punto B, la mia nuova casa, ad ospitare me è la mia famiglia, il tutto in un ristretto time-frame.

    La preparazione prevedeva:

    • preparazione delle pareti della nuova abitazione: stuccatura, rimozione degli zoccolini, preparazione delle pareti con carta vetrata
    • spostare una serie di prese elettriche con lavori di muratura
    • verniciare tutta la casa, in “modo moderno”, come dice mia moglie
    • acquisto di nuovi lampadari con relativa istallazione: per alcuni vi assicuro non è stata una cosa semplice
    • lamature e verniciatura del parquet
    • spostamento di mobili

    Avendo tempi molto stringenti, ho dovuto fare io parte dei lavori, cosa che mi ha assorbito in attività della durata di circa 12h al giorno, ma se ripenso a quest’esperienza qualche insegnamento me lo porto a casa (scusate il gioco di parole):

    • la pianificazione è fondamentale, sopratutto quando ci sono molte dipendenze nei lavori. Ho ad esempio optato per fare parte dei lavori di imbiancatura prima della rilamatura del parquet e parte dopo: questo mi ha consentito di sfruttare i giorni  precedenti alla rilamatura, lavoro che non era spostabile in nessun modo.
    • gli strumenti di lavoro sono essenziali: qualcuno diceva “non ci vuole un pennello grande, ma un grande pennello …”, ok o qualcosa del genere
    • Non lesinare sui materiali impiegati, soprattutto se non si è degli esperti. Usare delle pitture a costo più basso, usate per comodità, mi ha costretto a rifare il lavoro
    • Non tralasciare i particolari delle cose che non si conosce: dare una pittura verde pastello non è la stessa cosa che dare una pittura scura sul bordeaux, da non crederci, per me.
    • Non credere ai tempi di pianificazione fatti da altri, perchè potrebbero sbagliarsi :-)
    • Pianificare come usare le proprie energie e come recuperarle perchè lavorare 20 gg /12h giorno non è uno scherzo, in modo di riuscire ad arrivare alla fine sani e salvi
    • la cucina è un elemento critico perchè prevede lavori di idraulica, elettrici, mobili da allineare all prese, impianti etc.
    • Ed infine, prepararsi all’impossibile :-)

    Potrei proseguire…, ma nel frattempo ho visto che sono disponibili i video di Remix 09 delle mie sessioni:

    Che già richiedono un po’ di update, dato il rilascio di Silverlight 3 RTM e dei RIA Services July CTP

  • Pietro Brambati Blog

    Nuova community a Torino: starting…

    • 0 Comments

    Martedì scorso si è svolto a Torino, presso il MIC, un workshop di UGISS. Con l’evento si è lanciata l’idea di far nascere una nuova community .NET nell’area piemontese.

    Potete leggere dal post di Marco Russo di questa “idea”. E’ anche possibile partecipare attivamente a questa fase di start-up. Se siete interessati potete contattare Marco…fatevi avanti.

  • Pietro Brambati Blog

    ReMix09 - 2 giorni dopo

    • 2 Comments

    Di solito faccio un post di recap sull’evento a cui ho partecipato il giorno dopo o la sera stessa, ma a causa dell’alto numero di mail ricevute, questa volta sono andato un po’ lungo e vi scrivo dopo due giorni :-)) Quindi grazie per la numerosa partecipazione.

    Le sessioni dovrebbero, (ho usato il condizionale) , essere disponibili  sul sito BEIT, nell’attesa  quindi vi giro slide ed esempi di codice.

    Sessione ASP.NET MVC 1.0

    Per chi di voi era tra le persone spaventate dal modello di programmazione di ASP.NET MVC, come detto usi tranquellamente le WebForms. Per chi si trovava tra i contenti e vuole sviluppare con ASP.NET MVC 1.0,  può scaricare la RTM dai link seguenti, basta avere una versione  di Visual Studio 2008 dalla Express in su.

    Sessione Silverlight 3 e .NET RIA Services

    Silverlight 3, attualmente in beta, è scaricabile dal sito community di Silverlgiht 3.

    .NET RIA Services, seguono un flusso di sviluppo diverso e nelle mie slide trovate la roadmap per il rilascio. Come vi dicevo la prossima CTP che verrà rilasciata avrà delle braking changes rispetto a quanto visto nella sessione.

    Sessione ASP.NET 4 e Visual Studio 2010

  • Pietro Brambati Blog

    ReMix09 si avvicina

    • 2 Comments

    Sì è così. Mercoledì si inizia. Le iscrizioni sono oltre le attese, tanto che in una delle tracce siamo già oltre il limite da parecchi giorni. Quest’anno ci saranno due tracce per developer ed una per designer.

    La traccia Getting Started contiene sessioni sulle tecnologie già rilasciate per lo sviluppo web; è orientata a chi ha sviluppato con tecnolgie Microsoft in passato, ad esempio con ASP o VB 6, ma anche a chi parte da zero, magari perchè fin’ora non ha lavorato con ASP.NET 3.5 o Silverlight 2 e IIS 7; penso sia indicata anche per gli studenti o per chi semplicemente vuole aggiornarsi alle tecnologie che oggi gli consentono di sviluppare per il web.

    La traccia What’s new invece è orientata a quelle tecnologie di più recente rilascio o non ancora rilasciate, quindi rivolta a chi ha già competenze di ASP.NET e Silverlight e vuole conoscere le novità delle prossime versioni.

    Le mie Sessioni:

    • ASP.NET MVC 1.0 (traccia What’s new). La sessione sarà divisa in due parti. Nella prima parte cercherò di rispondere alle seguenti domande: cos’è MVC ? Cos’è ASP.NET MVC 1.0  e come ci si sviluppa ? Che differenza c’è tra ASP.NET MVC e ASP.NET Web Forms e quando è meglio usare uno o l’altro approccio. Nella parte finale, tempo permettendo, vorrei fare qualche semplice esempio di test  usando magari un framework di mock.
    • Silverlight 3 “business application” (traccia What’s new): in questa sessione si parla di due tecnolgie: i .NET RIA Services, attualmente in preview, che consentono di realizzare in modo semplice applicazioni n-tier e Silverlight 3, attualmente in beta, che verrà usato per realizzare la parte di interfaccia utente. Grazie ad alcuni controlli ed un nuovo “Business Application Template” è possibile realizzare un’applicazione che soddisfi 4 requisiti: aspetto professionale, facile interfaccia verso i dati esposi da servizi, validazione client e server e autenticazione… ok dovrebbe bastare.
    • Visual Studio 2010 sviluppo e test(traccia What’s new): questa sessione la faccio a braccetto, ok si fa per dire, con Lorenzo Barbieri. Ho cercato di concentrare più argomenti in poco tempo: WebForm 4.0, ASP.NET Ajax: la parte client, quindi le MS Ajax Library con i nuovi Client Template; dulcis in fundo il nuovo MSDeploy con cui sarà possibile pubblicare un intero sito web, con tanto di dipendenze sulla configurazione di IIS, nonchè il database direttamente da VS 2010: spero di riuscire a farvi vedere questa funzionalità dal vivo… Chissà Lorenzo ?
    • Keynote demo: pending…

    Durante Remix09 saranno presenti numerosi MVP di “calibro” e molte community .NET. Quale migliore occasione per incontrarli tutti. Spero di riuscire a salutarli tutti, nella “baruffa” che ci sarà.

    Chissà se riuscirò ad usare il mio Poken:

    image

    A presto. Per chi ci sarà, vi aspetto.

  • Pietro Brambati Blog

    Delphi Day 2009 @ Piacenza e Windows 7

    • 1 Comments

    Sono appena tornato dal Delphi Day 2009, il secondo per me, dopo quello del 2007. Marco Cantù è stato così gentile da invitarmi per raccontare un po’ di cose su Windows 7. Scusate se non sono riuscito a portare un numero suffiecente di CD per tutti, potete comunque scaricare la RC di Windows 7 da questo link, con scadenza Giugno 2010.

    Ho pubblicato l’ultima versione delle slide: se state leggendo questo post da un feed rss, aprite l’url che punta al post in modo che possiate sfogliarle. Vi ricordo che su BEIT c’è un intero percorso dedicato a Windows 7 per Developer e IT Pro, fatto sulla beta, ma ancora attuale e che potete raggiungere da qui (Percorso Anteprima di Windows 7).

    Ecco alcuni puntatori alle domande e argomenti più gettonati :-)

    Windows Virtual PC e Windows XP Mode

    Potete scaricare il nuovo Windows Virtual PC da questo link e il relativo Windows XP Mode.

    Windows Web Service API

    Per chi mi ha fatto la domanda sulle WWSAPI, posso suggerire oltre al video di Raffaele Rialdi  (Windows 7: Web service API per applicazioni C++) che trovate nella serie prima suggerita, la serire di post di Mario Fontana:

    Supporto nativo ai file VHD

    Per approfondimenti potete vedere il video (Windows 7: supporto nativo e avvio da VHD) di Giorgio Malusardi.

    Inoltre ..

    Come vi dicevo il team di Windows Client e Windows Server hanno da poco annunciato che Windows 7 e Windows Server 2008 R2 uscirano in contemporanea; l’RTM è prevista nella seconda metà di luglio, mentre la disponibilità nei negozi è prevista intorno al 22 ottobre 2009.  Tenete d’occhio il blog Technet Italia per le ultime news ..

  • Pietro Brambati Blog

    Survey sull’utilizzo di Ajax tra gli sviluppatori .NET

    • 2 Comments

    Simone ha condotto nel 2007 una survey sull’utilizzo di Ajax tra gli sviluppatori .NET, di cui potete leggere i risultati a questo link; mi sembra interessante segnalarvi che ha riproposto lo stesso sondaggio a due anni di distanza.

    Potete partecipare liberamente da questo link e completarla in meno di 2 minuti e seguire sul suo blog i risultati.

  • Pietro Brambati Blog

    La mia sessione al PHPDay 2009

    • 1 Comments

    Eccole su SlideShare:

    Come promesso ai ragazzi del GrUSP cercherò di tenere aggiornata la wiki :-)

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    Non ho resistito …

    • 1 Comments

    image

    Se come me avete visto tutto Magum P.I. …

    image

  • Pietro Brambati Blog

    PHP e Windows: risorse utili

    • 3 Comments

    [Update 7 Gennaio 2010]

    Il 15- 16 Maggio a Verona si svolgerà il phpDay 2009, evento dedicato a chi sviluppa applicazioni web per PHP, vi potete registrare tramite l’apposito link sul portale. Questa è la mia terza edizione, come speaker: i ragazzi del Gr.U.S.P mi concedono ancora questa possibilità! Quindi per chi c’è ci vediamo là.

    In preparazione al phpday, quindi, spero di fare cosa gradita nel raccogliere del materiale tecnico per chi lavora con PHP e con Windows, diciamo così dallo sviluppo al deploy: ho cercato di raccogliere i link alle ultime novità.

    Se volete, lasciate pure un commento con qualche altro riferimento ad altri link che ritenete interessanti segnalare su questo argomento alla community.

    Tutti i materiali indicati sono fruibili gratuitamente.

    Web Platform Installer (WPI)

    WPI 2.0 beta è un tool gratuito che consente d’ installare e tenere aggiorante le componenti Microsoft per la piattaforma web anche per PHP, configurando FastCGI, Url Rewriter, il runtime di PHP, SQL Sever 2008 etc..

    image

    Nell’imagine vedete una delle maschere del tool da cui potete scegliere cosa installare: ad esempio il modulo di UrlRewriter, il runtime di php 5.2.9 e Acquia Drupal. La nuova versione, attualmente in beta, si integra infatti con quella che viene chiamata Web Application Gallery, vedi dopo.

    Download Web Platform Installer

    Web Application Gallery

    Da questa pagina, potete scaricare le più note applicazioni open source per PHP e ASP.NET: Drupal, Wordpress, Umbraco, etc.

    Il WPI 2.0 integra la possibilità di installarle sulla propria macchina tutto dallo stesso tool, con un wizard che guida nella configurazione su IIS per SQL Server e MySQL, installando le applicazioni già configurate in pochi minuti.

    image 

    image

    Vai alla Web App Gallery

    Video e articoli: IIS, PHP, SQL Server, Editor

    PHP e IIS

    IIS 7  Deep Dive video (italiano)

    SQL Server Driver per PHP

    Windows Cache per PHP

    PHP e .NET

    MySQL

    Editor

    PHP e Internet Explorer 8

    Wizard per applicazioni CRUD in PHP per SQL Server e Azure

    PHP on Windows Training Kit

    Potete scaricare gratuitamente questo kit che contiene presentazioni tecniche su IIS 7 e SQL Server 2008, che tratta di:

    PHP & SQL Server Demos

    • Integrazioni di dati geo-spaziali di SQL Server 2008 in PHP
    • SQL Server Reporting Services e PHP

    PHP & SQL Server Hands On Labs
    • Introduzione all’uso di SQL Server con PHP
    • Usare Full Text Search su documenti documenti Office in PHP

    PHP on Windows Hands On Labs
    • IIS Access Control Features per PHP
    • Usare IIS 7.0 Media Features in un’applicazione PHP
    • Troubleshooting PHP
    • Migrare applicazioni PHP a IIS 7.0

     

    Azure: Cloud Computing e PHP

    Silverlight

    Siti utili

    Forum

  • Page 3 of 11 (261 items) 12345»