Pietro Brambati Blog

Developer's stories

  • Pietro Brambati Blog

    Le mie sessioni ai Community Days 2008

    • 1 Comments

    Anche quest’anno in Microsoft Italia si svolgeranno i Community Days, l’appuntamento con alcune delle più note community italiane , per approfondire i temi più nuovi e di maggior interesse nell’ambito dello sviluppo .NET.

    L’evento, completamente gratuito, si svolgerà il giorno 9 e 10 luglio. Il 9 mattina sarò presente anch’io con due sessione di cui trovate qualche anticipazione nel seguito:

    Silverlight 2

    clip_image002

    Questa sessione è assolutamente “no-slide” e partirò da un’applicazione che svilupperò durante l’intera sessione e che mi darà la possibilità di parlare di Silverlight 2.

    Windows Live

    clip_image004

    Ho già avuto modo di vedere che Windows Live è poco conosciuto al mondo dai developer e quindi è un vero piacere poterne parlare! Nella percezione comune il termine viene associato solo a una serire di servizi per utenti finali, come ad esempio il Messenger, l’aspetto interessante è che in questi anni Microsoft ha lavorato al fine di “aprire la piattaforma” e quindi sono disponibili una serie di API (web) e controlli multipiattaforma per l’accesso a tali servizi.

    Nella sessione presenterò anche un controllo, non ancora scaricabile pubblicamente, che farà presto parte dei Windows Live Tools per Visual Studio 2008…. Un’anteprima da non perdere!

    Le due sessioni sono quindi rivolte ad un pubblico di sviluppatori.

    Conclusione

    Le due giornate saranno molto ricche e se non l’avete già fatto vi conviene dare uno sguardo all’agenda, troverete sicuramente molte sessioni che vi interesseranno.

    Quindi che dire …. non mancate!

    Ciao e a presto

  • Pietro Brambati Blog

    Letture estive – parte I

    • 1 Comments

    imageOk, forse sono un po’ fissato, ma ammetto che da quando ero giovanissimo ho sempre dedicato parte del periodo estivo a letture “tecnologiche”; in effetti non sono proprio il tipo da gialli.

    Spero di fare cosa gradita segnalandovi un po’ di libri sulle tecnologie più importanti per Microsoft e per il sottoscritto e quindi ecco il primo.

    Nuovissimo libro su Silverlight 2, vi rimando direttamente al sito dell’ autore, Laurence Moroney, che ne descrive l’indice ed i contenuti e qualche anticipazione su un capitolo bonus…

  • Pietro Brambati Blog

    Supporto nativo JSON in Internet Explorer 8

    • 1 Comments

    Uno dei post che ho letto con più interesse sul blog del team di prodotto riguarda il supporto nativo a JSON di IE 8. JSON è un formato noto a chi sviluppa applicazioni AJAX, ma non solo … direi. In IE 8 sono state aggiunte una serie di nuove API native che consentono di aumentare le performance in fase di serializzazione e deserializzazione ed inoltre verificano il contenuto da deserializzare per “sanitizzare” da codice malevolo.

    Le nuove API mantengono il supporto a JSON come descritto in ES3.1 Proposal Working Draft. Il motore è nuovo e non si basa sulla classica eval().

    Quello che come sviluppatori web abbiamo a disposizione è un nuovo oggetto JSON con delle nuove API, ad esempio JSON.parse e JSON.stringify: la prima fa il parsing di una stringa che dovrebbe contenere dati in formato JSON e ne restituisce il corrispondente oggetto o array, mentre la seconda, fa un po’ l’inverso. L’elenco delle API con tutti i dettagli del caso la trovate al post che vi suggerivo di leggere.

    Nel post trovate anche discusso il comportamento delle pagine che usano note librerie per la gestione del JSON come json2.js; la maggior parte di queste pagine trarrà vantaggio, senza modifica, di queste nuove API girando in modo più veloce, perché sfrutteranno il supporto nativo di IE 8. Per le pagine che hanno implementato una versione custom di un oggetto JSON sono discusse invece due possibile alternative da seguire.

    Ok, non ho resistito a scrivere due righe di codice e farne il debug con i nuovi Dev tools inclusi in IE8. Sulla destra vedete i campi dell’oggetto JSON, risultato del parsing della stringa.

    clip_image002

    Attenzione:il valore del campo Age in figura è puramente indicativo e non attinente alla realtà … forse.

  • Pietro Brambati Blog

    Task Manager e Windows Vista Virtualization

    • 1 Comments

    Forse non molti hanno notato che il nuovo Task Manager di Windows Vista ha una nuova colonna "Virtualization", abilitabile come al solito da View->Select Colums... e quindi selezionado la colonna Virtualization. Questa colonna si rifà alla funzionalità di virtualizzazione di Windows Vista per il file system ed il registry.

    In poche parole: con l'UAC (User Acount Control) attivo in Windows Vista anche quando si è loggati alla macchina come amministratori si lavora come standar users, questo a meno di uno specifico consento da parte dell' utente, che viene invitato ad "elevare i suoi privilegi" per certe operazioni, ad esempio per modificare la configurazione di IIS.

    Ora per preservare il funzionamento di "vecchie" applicazioni, come ad esempio il notepad, che non potrebbero scrivere in talune locazioni, in particolare %SystemRoot% (%windir%), %ProgramFiles% e %ProgramData%, Windows Vista con il processo di virtualizzazione redirige la scrittura verso uno storage virtuale, nel caso di scrittura su file system su %LOCALAPPDATA%\VirtualStore, quindi una directory specifica dell'utente.

    Facciamo un esperimento. Da una macchina Windows Vista con l'UAC attivato apriamo notepad e tentiamo di scrivere su c:\windows un semplice file di testo. Riceveremo un messaggio di errore di accesso negato. Guardiamo ora la colonna Virtualization del Task Manager e notiamo che è impostato di Disable. Ora tasto desto sulla colonna, selezioniamo "Virtualization" e premiamo "Yes" al messaggio di Warning.

    Ripetiamo l'esperimento e noteremo che questa volta siamo riusciti a salvare il file, ma dove? Per vederelo andiamo con l'Explorer sotto la directory c:\windows dove pensiamo di aver scritto il file. Il menù dell' Explorer avrà un nuovo taso "Compatibility File" come mostrato in figura.

    Se lo premiamo, apriremo la directory locale dell'utente che "virtualizza" la directory c:\windows e dove troveremo il nostro file, nel mio caso la directory virtualizzata è "C:\Users\pietrobr\AppData\Local\VirtualStore\Windows"... ed ecco svelato il mistero di dove viene salvato il file grazie al processo di virtualizzazione.

  • Pietro Brambati Blog

    MS AJAX e WPF/E insieme

    • 1 Comments

    E’ di qualche giorno fa l’annuncio dell’uscita della CTP di Dicembre di WPF/E.

    E’ interessante notare che relazioni ci sono tra MS AJAX e WPF/E. Queste sono due tecnologie complementari e non alternative. MS AJAX ha già portato ad una evoluzione del web, rendendo semplice creare applicazioni AJAX. Ora quando vogliamo aggiugere funzionalità evolute di 2D, grafica vettoriale, audio e video possiamo usare WPF/E.

    Vi segnalo questo articolo se volete approfondire gli aspetti architetturali di WPF/E e di relazione con altre tecnolie e prodotti Microsoft di nuova generazione.

    Vi segnalo inoltre questo blog di Shawn Burke dove trovare un esempio di un Extender per usare WPF/E in modo semplice in un’ applicazione MS AJAX. Ottimo esempio di integrazione delle due tecnologie

  • Pietro Brambati Blog

    Channel 9 anche in italiano

    • 1 Comments

    image Qualcuno di voi si è mai chiesto: ma ci sono italiani che lavorano a Redmond? Chissà .... cosa fanno?  Chi sono?

    Bene vi segnalo questa simpatica  e utilile iniziativa che Vittorio Bertocci ha aniziato su Channel 9. Vittorio, per chi non conosce il suo blog, ha lavorato prima in Microsoft Italia e ora è a Redmond e si occupa per lo più di Windows Communication Foundation(WCF) e CardSpace. 

    Qui trovate la prima puntata delle interviste agli italiani in Redmond.  La prima è a Mauro Ottaviani ... che ci racconta di Windows Communication Foundation (WCF) in termini di performance, errori comuni di programmazione e tool da utilizzare .... non voglio aggiungere altro.

    Quindi .. tenete un occhio  http://channel9.msdn.com/tags/Italia!

    -Pietro 

  • Pietro Brambati Blog

    Webcast su Internet Information Server 7

    • 1 Comments

    Venerdì 16 Febbraio farò un webcast su IIS 7, il nuovo server web presente in Windows Vista e nel prossimo Longhorn Server.

    L'agenda probabile sarà la seguente (per voi in anteprima assoluta):

    • Perché IIS 7?
    • Handlers e Modules
    • IIS UI
    • Estendere lo Schema di IIS
    • Tracing e Diagnostica
    • Overview sulla configurazione
    • Configurazione integrata
    • Delega della Configurazione
    • Estendere la configurazione
    • Integrazione con il .Net Framework (cenni)

    Per chi di voi vuole seguirlo puoi iscriversi al seguente link. Qui ci sono i prossimi webcast in programma e così anche quello che terrò io venerdì.

    Mi raccomando iscrivetevi numerosi.

    Ciao.Pietro.

  • Pietro Brambati Blog

    WPC (3/3) - Visual Studio 2008 e sviluppo mobile

    • 1 Comments

    Ecco la mia ultima sessione alla WPC :-(

    In questa sessione ho ripresentato le novità per lo sviluppo mobile in Visual Studio 2008. Alla sessione come a tutte quelle sullo sviluppo mobile della giornata, hanno partecipato anche persone che si avvicinavano per la prima volta allo sviluppo per questo tipo di dispositivi, quindi la sessione che era inizialmente sulle "novità" poteva sembrare un po' troppo vaga ... quindi spero di fare una cosa gradita segnalandovi un piccolo percorso formativo, giusto per iniziare :-)

    1) La piattaforma Windows CE

    Leggete questo post di Mauro Minella, che vi permette di capire la relazione fra le diverse versioni del Sistema Operativo Windows CE, i loro allestimenti o piattaforme, i sistemi di sviluppo dedicati, i relativi SDK inclusi/opzionali e gli emulatori. Windows CE è il sistema operativo di "base" sul quale è stato realizzato Windows Mobile in tutte le sue varianti.

     

    2) Articoli interessanti per iniziare a sviluppare per dispositivi mobili

    Gli articoli seguenti in italiano, sono di Michele Locuratolo e sono pubblicati sul sito di Microsoft Italia. Offrono un ottimo spunto per iniziare.

    1. Introduzione allo sviluppo per dispositivi mobili 
    2. Lo sviluppo su dispositivi mobili
    3. Windows Mobile 6: Overview per sviluppatori
    4. State and Notification Broker – Part. 1

    3) Le novità di Visual Studio 2008 (dell' IDE) per lo sviluppo mobile

    Riprendo un mio post che riassume quello di cui ho parlato oggi in WPC. Nella slide seguente trovate l'agenda con la lista degli argomenti.

    image

    Qui trovate le slide aggiornate alla presentazione di oggi.

    4) Le demo

    image

    E qui i codici di esempio che ho usato per le demo, inclusa la semplice applicazione che rispondeva al cambiamento del livello della batteria dell'emulatore. Gli esempi sono stati realizzati con la beta 2 di Visual Studio 2008.

    L'applicazione DemoLivelloBatteria utilizza le State and Notification Broker API, introdotte con Windows Mobile 5.0, che le applicazioni possono usare per interagire con il sistema operativo sottostante in modo semplice. Nell'articolo di Michele che vi segnalavo sopra, viene spiegata nel dettaglio la logica ed il loro funzionamento: queste API espongono più di 100 valori relativi agli stati in un repository comune, collocato all’interno del registry di Windows Mobile e più precisamente sotto la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\System\State per i valori di sistema e sotto la chiave HKEY_CURRENT_USER\System\State per quelli dipendenti dal profilo dell'utente. Nell'applicazione demo sono state usate per rispondere all'evento di cambiamento di stato della batteria. L'applicazione voleva dimostrare che il nuovo Device Emulator 2.0 e 3.0 può essere usato per testare applicazioni in queste condizioni che, fino a prima, richiedevano l'installazione su un dispositivo reale con la batteria scarica! Inoltre ho mostrato come utilizzare una seconda applicazione con cui modificare programmaticamente lo stato della batteria dell'emulatore, cosa che può essere utile in scenari quali il testing.

    Buon lettura e buon lavoro con Windows Mobile :-)

    Ciao

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    BizTalkia

    • 1 Comments

    Penso di non aver mai parlato nei miei post di Biztalk, che per la verità è uno dei prodotti Microsoft che ho utilizzato di più nei progetti che facevo quando lavoravo più a stretto contatto con i nostri clienti.

    Mi ricordo, inoltre, quando cominciai a lavorare alla mia tesi per laurearmi in ingegneria informatica con quel "core", che sarebbe diventato poi un prodotto server vero è prorio ... scuate il rimpianto nostagico :-)

    Tutto questo per annunciare, facendo eco al post di Alessando, che è nata la prima Community italiana interamente dedicata a Biztalk: dalla passione di Nino Crudele, fondatore, insieme a Claudio Brotto e coadiuvato da Janky.

    biztalkia_3

    Per chi di voi lavora o lavorerà con Biztalk o semplicemente vuole saperne di più, perchè non spendere qualche minuto a visitarela sezione forumWebcast, gli articoli le news fino ad arrivare alla sezione Blogging.

    Feel free to join !

    p.s. sono stuzzicato dall'andare a seguire questo webcast di Nino:

    BizTalk Server Business Rules Engine (BRE) e Business Activity Monitoring (BAM) (Livello 300)

    Due parole su BizTalk (Server)

    Nei progetti che seguivo fino a qualche anno fa, mi è spesso capitato di aiutare le aziende a risolvere quelli che vengono chiamati problemi di integrazione. Spesso capita infatti che non si utilizzi una sola tecnolgia informatica, ad esempio solo la piattaforma Microsoft, ma spesso accade, soprattutto nelle aziende più grosse, di trovarsi in casa soluzioni miste: se sono un'azienda che opera nel campo finanziario potrei ad esempio avere una rete proprietaria che uso per le transazioni economiche, potrei avere una serie di server su piattaforma Microsoft che magari usano prodotti di altri vendor per la comunicazione con sistemi di code etc..
    Bene, come far comunicare tra loro tutti questi sistemi, come risolvere questi problemi di integrazione? BizTalk può dare una mano: usando sia i servizi di messaging che lo compongono: con cui posso prendere da un certo sistema un messaggio, con un formato particolare e traformalo in un formato diverso per poi farlo entrare in un workflow, definito dalla mia azienda, grazie alle componenti dell' Orchestration, per, infine, riuscire ad utilizzarlo al meglio all'interno dei processi aziendali.... Se avete resistito a leggere fino a questo punto penso che il materiale che trovere in BizTalkia vi sarà utile.

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    Percorso formativo su Silverlight 1.0

    • 1 Comments

    Questa settimana inauguriamo il percorso formativo su Silvelight. Potete iscrivervi ai web-cast seguendo questo link sul sito MSDN Italy . Il percorso per sviluppatori sarà focalizzato principalmente sulla versione 1.0 che è appena stata rilasciata.

    Il primo web-cast della serie che sarà venerdì 12 Ottobre e lo terrò io; ecco gli argomenti di massima che penso di trattare e che verranno comunque ripresi nelle successive puntate:

    • XAML
    • JavaScript API
    • Media

    Gli altri web-cast della serie li terrà Andrea Boschin, MVP che non ha bisogno di presentazioni : vi rimando al suo blog per rimanere in contatto con lui e scoprire utili e importanti informazioni.

    Quindi … vi aspetto numerosi!

  • Pietro Brambati Blog

    WPF, XBAP, Silverlight, AJAX e Windows Form ?

    • 1 Comments

    In questi giorni sto ricevendo molte mail che mi chiedono di chiarire dubbi sulle relazioni tra diverse tecnologie per realizzare interfacce utenti.

    Vi voglio segnalare questo articolo di David Chappell, che molto semplicemente chiarisce l’argomento. Il documento, che potete scaricare qui, è aggiornato all’ultima versione 3.5 del .NET Framework.

    Se volete approfondire lo studio di WPF, Silverlight e dello XAML, vi consiglio questi due libri di Adam Nathan:

     

    Spero sia utile :-)

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    Percorso sulla sicurezza applicativa

    • 1 Comments

    In anteprima vi mostro il video introduttivo sul percorso formativo sulla Sicurezza Applicativa che troverete a breve sul sito MSDN Italia. In questo video intervisto Mario Fontana, che lavora in Microsoft Italia come Architect con particolare attenzione alla sicurezza applicativa.

    Il video è molto informale e anche, in parte, divertente.

    Quindi seguite il seguente percorso:

    1. Guardate il video (11 minuti), con finale a sorpresa :-)

    2. Cercate di indovinare chi è “Master Chief (Halo)”

    3. La soluzione nei prossimi giorni …..

     

    image

    Buona visione

    -Pietro

    p.s.: iscrivetevi ai prossimi webcast sulla sicurezza applicativa.

  • Pietro Brambati Blog

    OBA ?

    • 1 Comments

    OBA è una sigla che sta per Office Business Applications. Non è mai facile spiegare in poco tempo cosa sta dietro questo acronimo, non è neppure facile spiegare quali sono gli scenari applicativi di riferimento e che architettura troviamo dietro ad un' applicazione OBA.

    Ho deciso allora di intervistare il collega Giuseppe Guerrasio, che lavora come Architect in Microsoft Italia e che è la persona che meglio mi ha aiutato a capire cosa ci sia dietro.

    Non ci credete ?

    Guardate il filmato di seguito e fatemi sapere .... dura circa 20 minuti; sì lo so è un po' lungo e le riprese non sono perfette (ok non sono proprio un buon cameraman :-). Nota per il futuro: mi devo ricordare un pennarello che scriva meglio sulla lavagna.

    Scherzi a parte, vi garantisco, che saranno 20 minuti del vostro tempo ben spesi.

    image

    Vi rimando al blog di "Gius" per avere link interessanti per approfondire l'argomento.

    Dopo aver visto il video:

    1. Leggete il post di Giuseppe
    2. Leggete anche il post di Mario Fontana sull'argomento. Mario lavora con Giuseppe come Architect in Microsoft Italia e con la sua esperienza vi può far capire le problematiche delle applicazioni odierne e come architetture moderne come SOA e pattern applicativi come OBA possono risolverli. 

    Ciao

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    IIS e PHP più vicini ...

    • 1 Comments

    Giusto prima dell' estate mi è capitata l'occasione di parlare al PHP Day ,un evento community dove ho conosciuto molta gente simpatica e con cui scambiare idee.

    Nella sessione che ho presentato, uno degli argomenti  è stato FastCGI, un modulo per IIS 6 (Winsows Server 2003) e il nuovo IIS 7 di Windows Vista e del prossimo Windows Server 2008.

    FastCGI è un progetto che è il risultato dell'accordo fatto tra Microsoft e Zend con lo scopo di far funzionare le applicazioni PHP in modo affidabile, performante sfuttando al meglio la piattaforma Windows.

    E' stata da poco rilasciata la versione di FastCGI per IIS 5.1 e II6 con licenza Go Live, che potete scaricare gratuitamente.

    Perchè FastCGI ?

    Molte delle applicazioni fatte per IIS sfuttano a fondo il modello multi-thread offerto dal IIS stesso. Molte applicazioni, originariamente scritte per Linux, usano un approccio diverso alla concorrenza, creano più processi invece che più thread. Anche se PHP supporta il multi-thread, molte delle estensioni a PHP non sono thread-safe. Questo porta a dover usare CGI come modello per far girare le applicazioni in modo affidabile su Windows, che però comporat un evidente degrado in termini di performance. FastGCI salva "capra e cavoli" consentendo di avere sia performance che affidabilità. Per maggiori dettagli su CGI/ISAPI e FastCGI partite da qui.

  • Pietro Brambati Blog

    Silverlight ... aspettando la RC

    • 1 Comments

    imagePenso che tutti sappiate cosa sia Silverlight, ma in breve potrei definirlo come: un plug-in per diversi browser: Internet Explorer, Firefox, Safari, Opera, che gira su piattaforma Windows e MAC per sviluppare applicazioni web ad elevato contenuto multimediale ed interattivo: 2D, Animazioni, giochi etc. Ne ho già parlato un precedente blog, che vi consiglio di leggere se siete interessati a saperne di più.Se volete vedere qualche esempio di utilizzo di questa nuova tecnologia, potete partire dal sito Community, dove trovare numerosi esempi e materiale per sviluppatori. Se non avete ancora scaricato il plug-in, necessario per vedere le demo, potete farlo da questo link.

     

    Leggendo il blog di Tim Sneath, trovate qualche informazione sul prossimo rilascio della RC di Silverlight della versione 1.0, che attualmente è in Beta, mentre è in Alpha per la versione 1.1. Tim puntualizza su alcune breaking changes introdotte nella prossima versione e pubblica una preview dell' SDK per Silverlight. Se qualcuno sta già lavorando con la beta consiglio di scaricare l'SDK, che non contiente ovviamente la RC, ma un documento con le novità introdotte e le differenze con la versione beta.

     

    Nel documento in questione trovate questi paragrafi per le differenze:

      • Remove "javascript:" in event handlers
      • Remove "Sys."
      • Use the latest Silverlight.js
      • All Downloads are now Asynchronous
      • Glyph element FontURI is Resolved Asynchronously
      • Remove Visibility.Hidden
      • Extra check on ASX Tags Resulting in MediaFailed Event
      • New Parser Error on Invalid Double Values like "Auto"
      • OnLoad, OnError, OnResize, OnFullScreenChange are now Function Pointer Based Rather than String Based
      • Elements in <*.Resource> blocks must be named
      • The MediaElement Position property value can be greater than the MediaElement NaturalDuration property value
      • Additional Animation Run-Time Errors
      • Can No Longer Use ’\’ in URIs
      • All Shaped Transform Members are now of Type Transform instead of TransformGroup
      • Remove IsFilled Property
      • AddEventListener now Returns a Token to be Passed to removeEventListener to Un-Register Event Handlers
      • Replace Version Property in Plug-in with isVersionSupported method

     

    Nell' SDK trova inoltre il template per Visual Studio 2005 ( serve aver installato la SP1 o il supporto per Web Application Projects) per svilppare con Silverlight 1.0. Nel file readme, trovate le semplici istruzioni su come installare il template.

  • Pietro Brambati Blog

    Open Source at Microsoft

    • 0 Comments

    e-mailbackground.gif

    E' da poco live sul sito Microsoft un portale dedicato alle iniziative in ambito Open Source. Un punto di ingresso ai diversi progetti che già da tempo sono attivi e che sicuramente fanno bene in quelle realtà complesse, come spesso accade, in cui si trova sia software Open Source che Software commerciale.

    In particolare, il nuovo sito includerà risorse specifiche per categorie di audience, come ad esempio gli IT Pro, gli sviluppatori, gli enti governativi, le università e gli studenti, illustrando i filoni principali nei quali si articola l’approccio di Microsoft:

    • collaborare per Costruire Ponti (ok la traduzione italiana non è il massimo) tra Microsoft e le tecnologie open source che aiutino a raggiungere i propri scopi. Qui si parla ad esempio dell' accordo fatto con Zend.
    • creare Opportunità Economiche per fare business con il software, a prescindere dal metodo di sviluppo
    • fornire opportunità per Community, Creatività e Apprendimento per aiutare a costruire competenze ed innovare
    • supportare un Mondo di Scelta nel quale gli attori di mercato possano fare le proprie scelte.

    Il sito andrà in questo modo ad affiancarsi a Port 25, il sito web del Microsoft Open Source Software Lab.  Port 25 continuerà dunque ad essere la fonte di informazioni tecniche e dialogo con la comunità tecnica OSS. 

    Ad esempio  nella sezione Community, Creatività e Apprendimento si parla del ciclo di sviluppo utilizzato per realizzare l' AJAX Control Toolkit, il cui sviluppo è iniziato in casa Microsoft e dipente in modo sostanziale dai feedback ricevuti dalla community. Leggete se siete interessati il case study, in inglese. In questa sezione trovate riferimento anche ai programmi di Shared Source come il Windows Academic Program pensato per il mondo universitario e di cui ho recentemente parlato in un mio post.

    La sezione FAQ è molto interessante e risponde ad alcune domande che i più si staranno ponendo...

    Ciao, Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    Tafiti

    • 0 Comments

    Tafiti, che significa "Cercare" in Swahili, rappresenta un interessante progetto di un'applicazione per aiutare nelle ricerche sul web. 

    image

    E' interessante notare quali tecnologie sono state impiegate:

    Nella sezione FAQ ne trovate le caratteristiche ed un video.

  • Pietro Brambati Blog

    Live ID e CardSpace insieme

    • 0 Comments

    Da poco avete la possibilità di effettuare la login a Live ID usando CardSpace invece di utilizzare la tradizionale password e quindi di accedere, usando CardSpace, ad i siti che supportano Live ID come meccanismo di autenticazione. Provalo qui.

    Windows CardSpace è una tecnolgia introdotta con il .NET Framework 3.0 che vi permette di autenticarvi ad un sito o ad un servizio passando una "Card" invece di utilizzare il tradizionale meccanismo di username e password. Quando un utente vuole autenticarsi ad un sito o ad un servizio, CardSpace mostra una UI con una lista di Card tra cui può scegliere quella da utilizzare per loggarsi. Un meccanismo di scelta simile a quello che abitualmente facciamo quando estraiamo dal portafoglio uno dei documenti di identità o una delle carte di credito. La Card di CardSpace non contiene però i dati dell'utente, ma un rifermento ad un Identity Provider che la ha emessa.

    CardSpace una implementazione Microsoft di quello che viene chiamato Identity Selector. L' architettura di CardSpace poggia su standard aperti e un Identity Selector può quindi essere implementata su altre piattaforme.

    Community Site di CardSpace

    Introducing Windows CardSpace (in inglese)

  • Pietro Brambati Blog

    Silverlight 1.0 RC1

    • 0 Comments

    Ok, per chi di voi se la fosse persa, dopo la beta 2 di VS 2008, potete scaricare anche la RC1 di Silverlight 1.0.  Avevo già messo in evidenza alcune delle differenze delle Beta con la RC in un precedente post: la versione RC1 non è 100% compatibile con la precende.

    Vi consiglio di andare direttamente alla pagina Get Started per avere i link a tutto quello che serve per sviluppare con Silverlight 1.0 RC1. Vi consiglio almeno:

    Per l'installazione della RC non c'è bisogno di disinstallare la beta precedente. Seguite direttamente il link del runtime.

    Oltre la RC1 della verisione 1.0 è stata anche rilasciata una versione di refresh della 1.1, attualmente in alpha. Come sapete la 1.0 supporta come linguaggio di programmazione il Javascript, mentre la 1.1 offre un modello di programmazione più evoluto baso sul .NET Framework (una versione ridotta che gira interamente nel browser). Se non consocete bene la differenza delle due versioni, che sono in sostanza versioni parallele leggete qui per chiarezza .

    Se siete interssati alla nuova XBOX 360 ELITE, guardate qui... ma prima scaricate Silverlight 1.0 RC1.

    image

    Ciao

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    Rilasciato Silverlight 1.0 e annunciato il supporto per Linux

    • 0 Comments

    Silverlight è un plug-in cross browser, cross-platform  per lo sviluppo di applicazioni web interattive ad elevato contenuto multimediale.

    E' stato da pochissimo rilasciata la versione 1.0, che potete scaricare qui.

    Qualche info tecnica:

    • Supporto integrato per diversi codec, come WMV, WMP, MP3 e soparttuto per il VC-1, per video e audio ad alta qualità e risoluzione.
    • Progressive download da qualsiasi server web (anche Apache su Linux).
    • Supporto opzionale per server di streaming.
    • Supporto per JavaScript come linguaggio per interagire con codice XAML e HTML

    Per saperne di più, leggete il post di ScottGu.

    Tra le novità c'è anche l'annuncio della partnership con Novell, che ha lo scopo di fornire un'implementazione di Silverlight per Linux. Moonlight è il nome in codice del runtime che girerà in tutte le versioni di Linux con browser FireFox, Konqueror e Opera.

    La mia applicazione Silverlight preferita ?

    image

    ...

    Per iniziare a sviluppare con Silverlight.

    Potete usare un qualsiasi editor di testo per svilupapre per Silverlight.  Se usate VS 2008 o Visual Web Developer Express 2008 edition, potete scaricare questa library per avere l'intellisense per il JavaScript per Silverlight 1.0.  Se usate anche la versione di Silverlight 1.1 Alpha, potete scaricare Silverlight Tools per VS 2008 Alpha e Expression Blend Preview.

    E' stata anche rilasciato l' Expression Encoder 1.0 . L' Expression Encoder è parte di Microsoft Expression suite e consente di codificare e pubblicare contenuti multimediali con Silverlight.  Potete importare file multimediali da diversi formati (QuickTime, WMV, AVI etc), aggiungere animazioni sopra il video e ottimizare il video codificato come output per le applicazioni web con Silverlight.

    Ciao

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    Un altro genovese su Channel 9

    • 0 Comments

    Niente da dire ai genovesi, ovviamente :-)

    image

    Vi segnalo la seconda intervista di Vittorio ad Alessandro Catorcini che fa il senior program manager nel common language runtime team.

    Il video è interessante anche per chi sta seguendo Silverlight, ma non solo ....

    Poche parole, gustatevi il video, in italiano ovviamente.

    Buona visione

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    UgiMobile ... è nata!

    • 0 Comments

    Michele Locuratolo, MVP in arte Mighell, ci segnala la nascita di UgiMobile, il primo User Group italiano dedicato a Windows Mobile ed tutte le tecnologie mobile targate Microsoft!

    image

    Non aggiungo altro, leggete il post: UgiMobile.org: si parte!!!

  • Pietro Brambati Blog

    Ecco la RC0 di Windows Server 2008

    • 0 Comments

    Sempre più vicini al rilascio definitivo!

    Vi segnalo il post di Renato sul blog TechNet per approfondimenti.

  • Pietro Brambati Blog

    Silverlight Installation Experience Guide

    • 0 Comments

    Cioè come migliorare l'esperienza dell'utente che arriva sul nostro sito e che non ha ancora scaricato il plug-in per Silverlight ...

    Come funziona l'installazione del plug-in per Silverlight ?

    Quello che tipicamente  succede e che viene presentata all'utente una pagina con un'immagine che contiene il logo di Silverlight che lo invita a scaricare il plug-in. Questa modalità d' installazione viene detta indirect-install ed ha il vantaggio di non richiedere altro codice JavaScript per funzionare che quello presente in Silverlight.js.  Lo svantaggio è che l'utente "esce" dal nostro sito per fare l'installazione. Potete modificare leggermente il comportamento impostando la proprità inplaceInstallPrompt per andare alla pagina per scaricare il plug-in o far puntare direttamente al file da scaricare. Se impostate inplaceInstallPrompt = False (default), ottenete la seguente immagine:

    SilverlightFalse

    Che redirige al sito Microsoft per l'installazione di Silverlight.

    Se invece impostate inplaceInstallPrompt =true,  nella funzione CreateSilverlight(), come mostrato nel codice seguente

    image

    ottenete la seguente immagine che fa scaricare direttamente il plug-in, senza andare alla pagina di download del sito Microsoft.

    image

     

    Installazione diretta

    L' altra modalità di installazione, detta direct-install, è l'opposto: nel senso che non richiede che l'utente esca dal nostro sito e rientri, ma ha lo svantaggio di richiede la scrittura di codice Javascript e HTML per migliorare l'esperienza utente in fase di installazione.

    Se lancio il progetto di esempio contenuto nella guida - che contiene tutto il codice -, avendo prima disistallato il plug-in del browser, ottengo le seguenti schermate: la prima appena accedo al sito, la seconda dopo aver lanciato l'installazione del plug-in.

    image image

    Quindi usando questa modalità di installazione è cambiato il modo in cui l'utente installa il plug-in rendendolo maggiormente integrato con l'applicazione web.

    Vi consiglio di scaricare la Silverlight Installation Experience Guide e per saperne di più consultare il post di Tim Sneath. La guida contiene anche due esempi di codice con il codice necessario.

    -Pietro

  • Pietro Brambati Blog

    Visual Studio 2008 … quando ci sara'?

    • 0 Comments

     image[12]

    Live dal TechEd 2007 di Barcellona, vi annuncio che Soma “Somasegar”, durante la sessione plenaria ha appena reso pubblico che rilasceremo Visual Studio 2008 e il .NET Framework 3.5 per la fine di Novembre 2007. Non posso che renderlo pubblico anche per i miei fidi lettori :-)

     

    Ci sono anche altre novità ...

    Ho scritto un post sul nuovo blog del Team MSDN italia con molti dettagli in più. Sì avete letto bene, oggi è la giornata degli annunci! Abbiamo aperto un blog per tutti i developer italiani e che sarà il contributo di diverse persone, me incluso.

    Stay Tuned!

    Un semplice percorso sulle novità di Visual Studio 2008

Page 7 of 11 (261 items) «56789»